fbpx
Cos’è il Bakery Center?
7 Novembre 2018
Pani dal mondo – La Baguette
11 Novembre 2018
Show all

Pani dal mondo – La Focaccia

Roma, 11-09-2018. Romana Lieviti. La festa d'inaugurazione dei nuovi spazi.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css_animation=”top-to-bottom” css=”.vc_custom_1540470603494{background-position: center !important;background-repeat: no-repeat !important;background-size: cover !important;}”]Oggi si sventola bandiera italiana e si gioca in casa con la Focaccia. 2000px-Flag_of_Italy.svg

Innanzitutto da dove prende origine la parola Focaccia?

La parola focaccia deriva dal tardo latino “focus” che significa cotto al focolare.
E’ un piatto molto antico che ancora oggi unisce e divide, infatti la focaccia è estremamente diffusa lungo tutto lo stivale, probabilmente seconda solo alla pizza.

La focaccia può essere cotta al forno e in casi particolari alla brace. Ne esistono decine di versioni a seconda della regione o della provincia in cui si decide di prepararla, o meglio…mangiarla.

Viaggiando da nord a sud, prima su tutte per notorietà, la focaccia alla genovese che si impone nella sua versione classica e nella variante alla cipolla. Di origine ligure anche la focaccia di Recco, con aggiunta di formaggio e la focaccia dolce.
A Firenze e Prato invece si predilige un tipo di focaccia meno conosciuto,  la focaccia con uva, anche se tendenzialmente ogni tipo di focaccia prende il nome dalla città o zona di provenienza. Per esempio, dalla Puglia arriva la famosa focaccia barese, m esistono anche la focaccia novese, o la focaccia messinese e la focaccia veneta.
Altre focaccie cambiano completamente nome, risultando delle volte meno intuitivi ma dal sapore sempre estremamente locale, infatti nelle Marche incontriamo la crescia, oppure la cuddura siciliana, la schiacciata fiorentina e la strazzata della Basilicata.

Non ditemi ora che volete la ricetta?  Va bene… se vi fosse venuta fame:

Scattata nel nostro Bakery Center

 

per l’impasto

  • 500 g di farina 0
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1,5 di olio d’oliva
  • 9 g di lievito
  • 350 ml di acqua

per la copertura

  • 3 cucchiaini d’olio
  • sale grosso
  • rosmarino

Buon appetito![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][/vc_column][/vc_row]

 

 

 

di Nello di Coste

Comments are closed.